Archivio

Archive for the ‘News’ Category

Ubuntu 12.10 sarà Quantal Quetzal

Con l’uscita di Precise e l’annuncio di Quantal, è giunta l’ora di aggiornare l’elenco riportato nei precedenti articoli (Ubuntu 12.04 sarà Precise Pangolin e Curiosità sui nomi di versione di Ubuntu.

Annunci
Categorie:News

Ubuntu 12.04 sarà Precise Pangolin

Nell’articolo Curiosità sui nomi di versione di Ubuntu ho spiegato come vengono composti i numeri e i nomi di versione di Ubuntu, elencandoli da Warty a Natty… E’ giunto il momento di riportare l’elenco aggiornato, visto che è in arrivo Oneiric ed è stato annunciato il nome della 12.04, che peraltro sarà LTS (Long Time Support) e perciò avrà una vita più lunga delle release precedenti.

Categorie:News Tag:,

Ubuntu 10.10: il nuovo font predefinito

Una delle novità più vistose di Ubuntu 10.10 “Maverick Meerkat”, è il nuovo tipo di carattere predefinito, denominato semplicemente “Ubuntu”. Può sembrare una piccola cosa, ma il nuovo font dona un look molto più moderno e “ubuntiano” a tutto il sistema, rendendo ogni scritta più gradevole. Ecco alcuni screenshot di esempio.

Il menu principale di Ubuntu 10.10, in tutto il suo splendore con il nuovo font predefinito.

Il nuovo font è utilizzato ovunque, anche nella barra dell'indirizzo di Firefox, per una totale uniformità grafica.

Una porzione della tabella caratteri del nuovo font.

Per maggiori informazioni, o per scaricare il tipo di carattere “Ubuntu”, è possibile visitare l’apposito sito web: Ubuntu Font Family.

Categorie:News Tag:,

Ubuntu 10.10: ripristinata regolazione luminosità

Nell’articolo Script regolazione luminosità LCD per Ubuntu Lucid avevo fornito un’alternativa per la regolazione della luminosità del display dei notebook, che non funzionava in Ubuntu 10.04 (Lucid).

Ora ho installato la RC di Ubuntu 10.10 (Maverick) sul mio notebook Sony Vaio, e la prima bella sorpresa è stato il ripristino delle funzionalità legate alla luminosità: sia tramite i pulsanti funzione del notebook, sia automaticamente in base al tipo di alimentazione (batteria / corrente). Ottimo!

Categorie:News Tag:,

Aspettando Maverick…

Tra 7 giorni verrà rilasciato Ubuntu 10.10, nome in codice Maverick Meerkat!

Sono molto curioso di provare la nuova release, anche perché ultimamente Ubuntu sta facendo passi da gigante, di anno in anno, diventando un sistema operativo sempre più competitivo, per la sua capacità di coniugare da un lato la semplicità e completezza (ricercate da chi viene da Windows), e dall’altro la potenza e la personalizzazione (essenziali per gli appassionati di Linux).

Così Ubuntu ha visto nascere applicazioni come Simple Scan, creato da Canonical per rendere l’uso degli scanner al massimo della semplicità, con risultati comunque buoni; dall’altro lato ha visto rivoluzionare varie volte il suo look, fino ad adottare nel tema predefinito (Radiance) i pulsanti in alto a sinistra, scelta ardita ma che, una volta presa l’abitudine, dà un sano tocco di modernità. Ha visto anche arricchirsi sempre più gamma di applicazioni e giochi installabili da repository, o dal recente Ubuntu Software Center, noioso per i puristi ma penso assai gradito dai meno esperti (e comunque può aiutare a trovare un sacco di giochi nuovi).

Cosa mi aspetto da Maverick? Due cose soprattutto:

  • Evolution 2.30, che promette di essere molto più veloce rispetto alla versione presente in Ubuntu 10.04, aspetto per me molto interessante visto che è attualmente il mio sostituto ufficiale di Outlook sul lavoro, per posta e calendario
  • Mono 2.6.7, per verificare a che punto siamo con la compatibilità con i moderni applicativi .NET, in particolare la parte WCF

Potrei aggiornare subito alla RC ma ho poco tempo da dedicarvi… Per cui continua il conto alla rovescia! Per avere ulteriori informazioni sulle novità, e per scaricare la release candidate, è possibile visitare questa pagina sul sito ufficiale:
https://wiki.ubuntu.com/MaverickMeerkat/TechnicalOverview

Categorie:News Tag:, ,

Ubuntu 7.10 On The Rocks

In realtà “on the rocks” c’azzecca molto di più col sambuca che con Ubuntu, ma dopo “Cailina On Air” ci stava bene!

Ieri sera ho installato sul PC di Anna la distribuzione linux Ubuntu 7.10 (Gutsy Gibbon),  e devo dire che è stato uno spettacolo. La prima domanda da fare è: Ubuntu può essere installato facilmente (e correttamente) da un utente medio, per intenderci quello che non sa nulla di partizioni, compilatori e così via? La risposta è: sì, ma è bene che abbia una connessione internet tramite cavo ethernet, e fortunatamente i maggiori provider (Telecom, Wind) hanno da tempo iniziato a fornire router con connessione ethernet, al posto della sola USB. Poi vedremo perché è importante.

Anzitutto, inserendo il CD di Ubuntu si accede alla versione “Live, cioè parte direttamente un sistema operativo completo caricato in memoria; in questo modo è possibile provare i programmi e le funzionalità, ancora prima di caricarlo sul computer. Un doppio click su “Installa” avvia la procedura di installazione, molto semplice e completamente guidata e, aspetto importante, disponibile anche in lingua italiana. Poche sono le cose da scegliere nell’installazione: il partizionamento automatico, il layout tastiera (generalmente prende già quello giusto), il fuso orario, le info sull’utente da creare. Inoltre in questa versione è stato aggiunto uno strumento che può essere utilissimo per chi vuole migrare da Windows a Linux, ovvero il trasferimento automatico di documenti, account di posta, preferiti e quant’altro dal proprio utente di Windows XP!

Terminata l’installazione (una ventina di minuti circa), e riavviato il computer, al primo accesso ad Ubuntu due sono le prime cose da fare:

  1. scaricare il supporto completo alla lingua italiana; non c’è più da impazzire con i pacchetti, basta andare su System > Administration> Language Support, scegliere la lingua italiana come predefinita (se già non lo fosse) e dare OK; il sistema automaticamente scaricherà da internet i pacchetti necessari, così che menu, programmi, pannelli verranno tradotti in italiano! Ecco quindi un primo motivo per avere la connessione internet tramite cavo ethernet… In modo che si possa fare subito questa operazione, senza problemi.
  2. controllare la necessità di “driver con restrizioni”, da Sistema > Amministrazione > Gestore driver con restrizioni; io infatti sono impazzito per mezz’ora cercando di far andare la scheda wireless… in realtà mancava questo driver, che essendo sottoposto a copyright restrittivo, non può essere incluso nel CD di Ubuntu; ma è bastato selezionarlo da questa casella e confermare, per averlo automaticamente scaricato e installato! Infatti, subito dopo la connessione wireless è stata trovata, e configurata in un attimo alla perfezione. Ecco il secondo motivo per avere la connessione ethernet: le schede “wired” infatti sono sempre incluse nel CD, e si ha quindi la sicurezza di poter accedere ad internet, per poi scaricare questi eventuali driver aggiuntivi.

Fatto questo… Si inizia a “smanettare” e godersi la libertà del nuovo Ubuntu!!!

In realtà c’è ancora una cosa che consiglio di fare, cioè installare il pacchetto di “extra” soggetti a copyright restrittivo; in particolare questo contiene i codec per leggere i file MP3 e i DVD, nonchè Java e Flash… Piuttosto importante, a meno che abbiate convertito tutta la musica in formato OGG… Per cui, si va in Sistema > Amministrazione > Gestore pacchetti Synaptic, quindi click sul menu Impostazioni > Archivi dei pacchetti, e da qui attivare le prime quattro voci. Quindi chiudere la finestra, aggiornare l’archivio (pulsante Ricarica) quindi cercare con il tasto Cerca il pacchetto di nome ubuntu-restricted-extras, selezionarlo ed installarlo. So che per i “puristi dell’open-source” questo è scandaloso, ma io proprio senza MP3 non ci sto… non posso sentire neanche tante radio online…

Ubuntu è (ovviamente) scaricabile gratuitamente dal sito www.ubuntu-it.org. In alternativa, è possibile richiedere gratuitamente spedizione del CD (fantastico!), che però ci mette circa un mese e mezzo, all’indirizzo shipit.ubuntu.com. Beh, io è dalla 6.04 che mi faccio arrivare i CD, è una figata avere i dischi originale di Ubuntu!

Categorie:News Tag:, , ,